Mario Balotelli è del Milan!!

 Calciomercato Milan,balotelli,balotelli milan, mercato milan,sport,notizieMario Balotelli è del Milan. L’annuncio arriva da Milan Channel: «Mario arriva domani! Dopo le visite mediche, Mario firmerà un contratto con il Milan fino al 30 giugno 2017» e percipirà 4 milioni di euro a stagione piu premi. Al City 20 milioni di euro che saranno pagati in cinque rate annuali, più tre milioni di bonus.

Secondo quanto dichiara il cub rossonero, Balotelli dovrebbe atterrare a Malpensa attorno alle ore 14. Una cinquantina fra giornalisti, fotografi e operatori televisivi attendeva il nuovo acquisto rossonero all’esterno dello scalo di Linate dedicato ai voli privati, dove era previsto l’arrivo di Balotelli attorno a mezzogiorno da Londra. Atterrato a Malpensa, l’attaccante sarà accompagnato all’ ospedale di Busto Arsizio per le visite mediche.

SuperMario lascia i Citizens dopo 2 stagioni e mezzo, con i quali ha vinto la Premier League lo scorso anno, collezionando 76 presenze totali e 30 reti.

Calciomercato Milan: dopo Bojan, colpo De Jong

cvxd.jpgColpo del Milan che si aggiudicato Bojan, passato in prestito dal Barcellona dopo l’annata, non troppo esaltante a Roma con i giallorossi. Lo spagnolo è pronto a riscattarsi.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione a Milanello, dichiara: ”alla Roma ho giocato poco e arrivare qui al Milan e’ un passo avanti per me, sono qui per restare, non ho esitato a dire si’. E’ una societa’ con grande storia, andavo matto per Inzaghi. Non ho paura di niente, neache di arrivare qui dopo Ibrahimovic. Non e’ stato un anno facile a Roma ma ho imparato tanto. Voglio far bene e aiutare la squadra. Voglio rimanere qui dopo il prestito. Fin dal primo giorno qui e’ stato incredibile. La squadra mi ha accolto benissimo. Milanello e’ qualcosa di incredibile. Arrivare a Milano e’ stato il regalo piu’ bello‘.

Bojan ha quindi concluso: ”Qui c’e’ tanta qualita’, dobbiamo lavorare tanto ogni giorno per vincere. Qui ci sono grandi attaccanti, posso giocare con tutti: decidera’ il mister. Posso giocare ovunque in attacco, io voglio giocare e basta”.

Intanto, altro olpo del Milan, che ha preso dal Manchester City De Jong. Il centrocampista olandese è arrivato in serata a Milano accompagnato da Braida e dall’intermediario Riso. L’accordo fra le due società è stato trovato sulla base di 4 milioni. Galliani in serata è apparso raggiante: «Allegri adesso non si può più nascondere. Con gli arrivi di Pazzini, Bojan e De Jong il Milan deve lottare per lo scudetto e non per il terzo posto».

La Juventus batte il Milan al Berlusconi: 3-2

Immagine.jpgVa alla Juventus il trofeo Berlusconi, che batte i rossoneri per 3 a 2.

Queste le formazioni:

MILAN: Abbiati; Abate (7′ st Nocerino), Zapata, Yepes, Antonini (1′ st De Sciglio); Flamini (18′ st Traore’), Montolivo, Constant; Boateng (35′ st Valoti), Emanuelson (1′ st Pato), Robinho.

JUVENTUS: Storari; Lucio (1′ st Bonucci), Marrone (44′ st Rugani), Barzagli (24′ st Masi); Padoin (1′ st Lichtsteiner, 42′ st Asamoah), Pogba, Marchisio (1′ st Giaccherini), Vidal (1′ st Pazienza), De Ceglie (1′ st Ziegler); Giovinco (1′ st Matri), Vucinic, (1′ st Quagliarella).

Robinho segna al 9′ con un tap-in, al 12′ di Marchisio che in scivolata devia quanto basta un bel traversone di De Ceglie. Vidal porta in vantaggio la Juventus al 43′ con uno scatto sul filo del fuorigioco, dribbling secco su Yepes e con Abbiati infilato sul primo palo. Matri al 64′ tutto solo, incorna un preciso cross di Giaccherini e da buon ex non esulta, portando però sul 3-1 la partita. In chiusura, al 77′, Robinho accorcia le disanze, procurandosi e realizzando un calcio di rigore.

L’ultima partita prima degli impegni ufficiali non è molto rassicurante per la squadra di Allegri, fra l’altro già altalenante nelle precedenti uscite d’estate: positivo Robinho, qualcosa di buono sul piano del possesso palla, ma poco altro.

Intanto Antonio Cassano, tramite le dichiarazioni di Galliani, ha chiesto di essere ceduto. L’ipotesi più probabile è quella di uno scambio con i cugini chiedendo Pazzini.

Trofeo Tim: per il Milan due ko

das.jpgDue ko per il Milan di Allegri nella dodicesima edizione del Trofeo Tim, vinto dall’Inter. I nerazzurri di Stramaccioni hanno battuto sia Juve (1-0) che Milan (2-1). La stessa Juve ha battuto il Milan per 1-0. Da segnalare il pessimo stato del campo di Bari. Milan ancora imballato e per ora, in ritardo rispetto alle due rivali. Forse non ha superato lo shock delle cessioni di Thiago e Ibra? Da rivedere i nuovi acquisti, tra cui Acerbi in difficoltà nelle due azioni chiave del match contro l’Inter: in ritardo su Guarin e bruciato da Palacio in velocità.

Nella prima gara dei rossoneri contro i bianconeri, il Milan schiera Boateng trequartista dientro la coppia El Shaarawy-Robinho. In difesa linea a quattro con De Sciglio-Bonera-Yepes-Taiwo. Alla mezz’ora Vucinic con una finta mette in difficoltà Traorè, che lo sfiora, il montenegrino si stende in area, rigore. Lo stesso Vucinic realizza con freddezza.

Il Milan si fa beffare anche dall’ Inter che vince in rimonta l’ultima sfida del trofeo. Decisiva l’ottima prestazione di Palacio, che ha regalato l’assist per il pareggio di Guarin e ha poi firmato la rete del 2-1 finale. El Shaarawy al 15′ approfitta di una indecisione di Chivu e segna un gran bel gol segnando la rete del momentaneo 1 a 0.

Classifica: Inter 6 pt, Juventus 3 pt,  Milan 0 pt

Ibra: è fatta al Psg, 15 milioni di euro all’anno

20120719_ibra-psg-ministro.jpgSono molto felice di essere qui, volevo far parte di questo progetto e nella mia mente non ho avuto mai nessun dubbio. Voglio essere parte della storia di questo club e insieme festeggeremo i tanti trofei che porteremo a casa, ha aggiunto. L’ex giocatore del Milan ha anche ringraziato il direttore generale del club transalpino Leonardo per avere reso possibile qualcosa che sembrava impossibile. Il Psg è un altro sogno che diventa realtà e un passo importante nella mia carriera, dichiara Ibra.

L’attaccante svedese aveva detto di voler chiudere la carriera al Milan ma il progetto francese lo ha convinto a cambiare ancora. Non ho pensieri negativi sul Milan, è un grande club e continuerà ad ottenere grandi successi anche senza di me. L’unica cosa che posso dire è che sono stato felice di arrivare al Milan e che avrò sempre bellissimi ricordi. Giocatori come me e Thiago Silva sono una grossa perdita, ha continuato, non solo per il Milan, ma per tutto il campionato e il calcio italiano, senza di noi il campionato di Serie A sarà più povero, con meno qualità.

Per quanto riguarda il mercato del Milan, i nomi nuovi per sostituire Thiago e Ibra, sono Ranocchia dell’Inter e Matri per l’attacco.

Milan: parte la stagione 2012/2013

548228_10150927868491937_1356552109_n.jpgRiparte la nuova stagione rossonera. Alcune centinaia di tifosi del Milan si sono ritrovate a Milanello, dove oggi la squadra di Massimiliano Allegri si è radunata dopo le vacanze per cominciare a preparare la stagione 2012/2013.  Primo giorno rossonero invece per i nuovi acquisti Constant, Acerbi e Traoré. Per sabato è prevista un’amichevole in famiglia; il primo vero test è fissato per il 21 luglio a Bari, con il Trofeo Tim, contro Juventus e Inter; il 24 i rossoneri saranno a Gelsenkirchen per affrontare lo Schalke, poi il 27 il via alla tournée americana.

«È un anno diverso, nello spogliatoio mancano tanti giocatori che hanno fatto la storia della società. Bisogna ripartire da zero con tanti elementi nuovi. La squadra lotterà per vincere il campionato e potrà migliorare il rendimento in Champions. Magari, potrà cercare di arrivare in finale di Coppa Italia. Non so se il Milan sarà più o meno forte, ma lotterà per vincere», ha affermato Massimiliano Allegri.

«Lo scorso anno negli ultimi 2-3 mesi sono stati commessi errori. Avevamo il campionato in mano, abbiamo perso 4 punti nelle ultime 8 giornate e questo ci deve far riflettere. Bisogna avere umiltà, bisogna evitare di ripetere gli errori fatti, ci vuole cattiveria, che magari può mancare quando si è super-favoriti. Bisogna mettere in campo la rabbia per creare i presupposti della vittoria. La Juve ha fatto una grande stagione vincendo il campionato, l’Inter si proporrà. Insomma, sarà un torneo molto duro».

Seedorf saluta il Milan – Video intervista

seedorf.jpgClarence Seedorf dice addio al Milan dopo dieci anni da lui stesso definiti fantastici. Una colonna del Milan lascia la squadra tra il dispiacere e qualche lacrimuccia dei tifosi e della dirigenza. Il numero 10 stampato sulla maglietta del fuoriclasse olandese passerà a Zlatan Ibrahimovic.

Lascio dopo dieci anni fantastici. La prospettiva è quella di continuare a mantenere con il Milan un rapporto professionale in futuro se ce ne fosse la possibilità. Ho vissuto più tempo qui al Milan che con la mia famiglia in questo decennio. Ora posso continuare la mia carriera altrove, scegliendo tra varie proposte competitive. Ma non sarà cosa semplice perché ci tengo a compiere la scelta giusta.

Accanto a lui l’amministratore delegato del club rossonero Adriano Galliani che parla in questi termini: Non ci voleva un genio per capire quanto fosse forte in quell’Ajax straordinario dove c’era anche Kluivert. Mi innamorai di lui. Penso che ora Clarence potrà fare bene tutto perché è una persona con tante qualità. Può interpretare bene il ruolo di allenatore o di dirigente quando smetterà di giocare a calcio.Quando il Milan giocava bene, aggiunge Galliani, Seedorf si esprimeva alla grande.

Nesta dice addio al Milan: giocherà in America

ghfhhhh.jpgAlessandro Nesta è un uomo di parola, dove qualche settimana fa disse: non andrò alla Juventus. La sua prossima destinazione dovrebbe invece essere negli Stati Uniti, precisamente nei New York Red Bulls. Nella squadra newyorkese c’è Thierry Henry e anche Rafael Marquez, ex pilastro della difesa del Barcellona e Teemu Tainio, finlandese dal buon passato in Francia e Inghilterra. Un altro motivo per scegliere l’America: Alessandro ha una casa a Miami e spesso si è recato là, durante i suoi numerosi infortuni, per terapie e riabilitazione. A 36 anni e con qualche acciacco di troppo, per il forte difensore romano è arrivato il tempo forse di cambiare aria e di non vivere la vita del precario, seppur di lusso. Piu difficile per il Milan però, trovare sul mercato un difensore che saprà sostituirlo.

Calciomercato – Milan scatenato, a giugno arriva Mexes

4889d9adb6d29_normal.jpgSi preannuncia un’estate ricca di colpi di mercato in casa rossonera. Indipendentemente da come finirà la stagione del Milan, il primo rinforzo per la squadra di Allegri sarà Philippe Mexes: il difensore francese nella prossima stagione sbarcherà a Milano. Inutile il tentativo della Roma di convincere il giocatore ad accettare il rinnovo di contratto.

Beccati a cena insieme da vari giornalisti nel post-partita di Milan-Napoli, Adriano Galliani e Daniele Pradè sono stati incalzati dalle domande sul futuro del difensore francese. L’amministra­tore delegato del Milan ha detto: “Qualora non rinnovasse con la Roma, noi ci proviamo” . Mentre Pradè aveva replicato: “Se ci provate mi arrabbio”. Battute che di fatto lasciano intendere che del giocatore si è già ampiamente parlato: Galliani ha ribadito che non avrebbe mai fatto uno sgarbo alla Sensi ma ormai manca solo l’ufficalità.

IN SCADENZA A GIUGNO, TANTE OFFERTE – Mexes va in scadenza di contratto a giugno e aspetterebbe l’avvento della nuova proprietà per decidere il suo futuro. Nelle casse giallorosse non entrerebbe nemmeno un euro, ma la decisione pare essere già presa nonostante le offerte di Real Madrid, Arsenal, Liverpool e Chelsea che tentano il colosso difensivo giallorosso. Tentazioni che dall’Inghilterra arrivano anche per altre stelle della Roma: Menez (proprio dai Gunners) e Vucinic, che però preferirebbe restare in Italia.

UN CONTRATTO RICCO PER MEXES – Arrivato alla Roma nell’estate del 2004, proveniente dall’Auxerre, il difensore rischia di rimanere fuori dalla Champions League nella prossima stagione e ora che è un perno della Francia di Blanc non vuole perdere l’opprtunità di calcare un grande palcoscenico. Si parla di una proposta di contratto dei rossoneri di circa 4,5 milioni a stagione per quattro anni, un ingaggio quasi raddoppiato rispetto agli attuali due milioni e mezzo all’anno (più premi).

CISSOKHO, RAMOS E GANSO-LAMELA – Ma il mercato del Milan non si ferma qui: il ds rossonero Braida si sta muovendo per rinforzare le fasce, soprattutto a sinistra dove c’è il solo Emanuelson come alternativa ad Antonini mentre Didac Vilà pare ancora acerbo. L’assalto a Aly Cissokho, già vicinissimo ai rossoneri due anni fa, è già cominciato, e insieme a lui si cercherà di arrivare a Sergio Ramos sperando che rompa definitivamente con il Real e Mourinho. E per l’attacco il nome più gettonato resta quello di Ganso dove il Milan è ancora in vantaggio su Leonardo: i dubbi riguardano le condizioni del ginocchio della giovane stella del Santos. Vedremo se alla fine la dirigenza rossonera opterà per lui o per il nuovo asso argentino, Lamela.

Eurosport