Kakà torna al Milan?

kaka-milan.jpgKakà vicino al ritorno a Milano. Adriano Galliani ha infatti ammesso di “aver trovato l’accordo con il Real Madrid” per il ritorno del giocatore in rossonero ma, ha spiegato, “dobbiamo ora trattare con il giocatore”. Al brasiliano è stato proposto un contratto biennale che prevede ovviamente una forte riduzione dell’attuale ingaggio. La palla è insomma nei piedi di Kakà: se accetta la proposta di Galliani è fatta.

“Abbiamo ricevuto la telefonata che aspettavamo, ma l’accordo non c’è ancora. Per il momento non si è sbloccato. Vediamo. Abbiamo tempo fino alle nove perché l’aereo parte alle dieci. Vediamo se Ricky sale con noi o no”.

Milan: preso Niang, ma si complica l’arrivo di Kakà

MBaye-Niang-2.jpgGalliani è volato in Francia dove ha chiuso con il Caen per M’Baye Niang. L’attaccante, che in patria paragonano a Henry, è stato acquistato a titolo definitivo dal Milan per la cifra di circa 2,5 milioni di euro. E’ lui il rinforzo in attacco per Allegri.

“E’ un sogno che si realizza, essere arrivato in un grande club come il Milan è un grande onore ha detto il giovane francese. Ora spetta a me dimostrare il mio valore”. A chi lo definisce, poi, il piccolo Henry ribatte: “Io sono io, Henry è Henry”.

Intanto si complica la trattativa per arrivare a Kakà. Secondo una consulenza richiesta dal Milan ad esperti di fiscalità, se il brasiliano arrivasse ora in prestito, poi tornando l’anno prossimo al Real Madrid non potrebbe godere delle stesse facilitazioni fiscali che ora gli consentono di guadagnare 9 milioni di euro netti. Quindi si profilano due soluzioni: il Real cede a titolo definitivo Kakà o lo presta con obbligo di riscatto. Ma in entrambi i casi Kakà dovrebbe dimezzarsi l’ingaggio.

Milan travolto dal Real in amichevole. Intanto arriva Zapata

asd.jpgCampanello d’allarme allo Yankee Stadium di New York: Milan sconfitto pesantemente per 5-1 contro il Real Madrid, gara giocata nella notte tra mercoledì e giovedì in terra americana. Doppietta di Cristiano Ronaldo, reti di Di Maria, Sergio Ramos e Callejot. Per il Milan, che dura solo un tempo, bel gol di Robinho.

Le formazioni:

Real Madrid: Casillas (Fernandez Collado 40’ st); Fernandez (Arbeloa 1’ st), Pepe (Albiol 25’ st), Varano (Sergio Ramos 1’ st), Coentrao (Sahin 29’ st); Khedira (Xabi Alonso 1’ st), Diarra (Granero 25’ st); Di Maria (Callejon 17’ st), Ozil (Kakà 17’ st), Cristiano Ronaldo (Morata 35’ st); Benzema (Higuain 1’ st).

Milan: Abbiati (Amelia 1’ st); Abate (De Sciglio 1’ st), Bonera, Acerbi (Yepes 1’st), Antonini (Mesbah 1’ st); Flamini (Constant 14’ st), Ambrosini (Traorè 24’ st), Nocerino (Valoti 31’ st); Boateng (Emanuelson 14’ st), Cassano (El Shaarawy 1’ st), Robinho.

Una sfida affascinante anche per i risvolti di gioco e di mercato: proprio su quest’ultimo fronte sembra sfumare la suggestiva operazione del ritorno di Kakà in casacca rossonera. Galliani è stato abbastanza chiaro dopo l’incontro con Florentino Perez: “Ho parlato con lui e l’operazione Kakà è molto difficile per i costi che ha, troppo elevati e per gli stipendi davvero altissimi. Un affare quasi impossibile. Preferisco non illudere i tifosi, ma è difficile, difficile, difficile”. Uno spiraglio resta, ma è evidente che le parti sono molto distanti.

Intanto volto nuovo in casa rossonera, con l’arrivo di Cristian Zapata, difensore che può giocare sia a destra che a centro. L’ex udinese arriva con al formula del prestito con diritto di riscatto. Con questa operazione, svaniscono però Dzeko, Leandro Damiao e Tevez, perchè il Milan ha gia messo sotto contratto due calciatori extracomunitari.


Real Madrid vs AC Milan – Fulltime Highlights… di TenMillionSlaves

Kakà-Milan, ritorno di fiamma?

0312KAKA_narrowweb__300x394,2.jpgSecondo il sito di As, Kakà starebbe per tornare al Milan. Addirittura gli spagnoli scrivono che Bosco Leite, padre del brasiliano, sarebbe a Milano per discutere con Galliani l’ingaggio. Nesta invece potrebbe smettere: «Sognavo la MLS, ma non ho ricevuto nessuna offerta».

Nel mirino del Milan c’è sempre Diarra, ma secondo indiscrezioni Galliani avrebbe messo nel mirino Francelino Matuzalem, centrocampista brasiliano classe 80′ in forza alla Lazio. Matuzalem potrebbe anche partire visto che nel progetto Petkovic non sembra esserci posto per lui.

Intanto, Sulley Muntari, potrebbe accettare la maxi decurtazione dell’ingaggio che il Milan ha intenzione di proporre al centrocampista per punizione: l’ex interista, giocando una partitella in spiaggia con gli amici si e’ rotto il legamento crociato. Il club rossonero ha infatti intenzione di punire il calciatore e di multare pesantemente il ghanese decurtandogli del 50% l’ingaggio di 3 milioni di euro netti a stagione.

Galliani: Cassano resta. Sondaggio per Kakà e Pedro Leon

kakà-real-madrid.jpgAdriano Galliani, ha allontanato le voci su una possibile partenza del talento barese Antonio Cassano. Le parole del dirigente rossonero sembrano una risposta a distanza a quelle di Sinisa Mihajlovic, cheaveva commentato con un certo entusiasmo l’indiscrezione di un possibile approdo in maglia viola di Fantantonio: “Cassano è un grande giocatore – aveva detto Mihajlovic -. Se ha motivazioni giuste e se si mette in testa di allenarsi bene, può far comodo a qualsiasi squadra. Gestirlo può non essere facile, ma io non ho problemi perché questo vale per tutti i giocatori importanti”.

Ora toccherà a Cassano decidere il suo futuro: se vorrà mettersi in gioco e lottare per un posto da titolare che potrebbe essere decisivo in vista della convocazione ai prossimi Europei, allora Fantantonio resterà in rossonero, altrimenti l’ipotesi Fiorentina sarebbe più che percorribile, ancor più in caso di scambio con Riccardo Montolivo, ormai destinato alla cessione in casa viola.

Intanto l’ad rossonero avrebbe incontrato Florentino Perez. Tema centrale della conversazione, come riferiscono diversi media iberici, Ricardo Kakà. L’interesse del Milan per il brasiliano è noto, ma la trattativa per un ritorno in rossonero sembra difficile. Il Milan avrebbe proposto il prestito, ma il Real non sembra disposto ad accettare: il nodo resta quello dell’ingaggio da nove milioni netti
 
Nell’incontro si sarebbe anche parlato di Pedro Leon. Galliani ha chiesto informazioni sul centrocampista, che non rientra più nei piani dei madrileni e nella scorsa stagione ha giocato in prestito al Getafe: rispetto a Kakà, in questo caso sarebbe decisamente più facile raggiungere un accordo sia sulla formula del prestito che sul pagamento dell’ingaggio

Allegri: “Kakà meglio di Balotelli”

NEWS_1228306835_kaka.jpgChe un ritorno di Kakà dal Real Madrid al Milan verrebbe accolto a braccia aperte sia dai giocatori che dalla dirigenza, Berlusconi in testa, non è un segreto. Ora però sembra che l’idea non dispiaccia neanche al tecnico rossonero Allegri, che arrivato al Milan solo quest’anno non ha avuto occasione di allenare l’ex Pallone d’Oro.
In un’intervista alla Gazzetta dello Sport, il tecnico rossonero Allegri ha dichiarato che”E’ sempre bene prendere giocatori di qualità”. Alla domanda successiva, ovvero se sarebbe meglio riprendere Kakà o puntare sull’attaccante ex Inter Mario Balotelli, il toscano diventato famoso sulla panchina del Cagliari ha pochi dubbi: “Balotelli è un altro di quei ventenni che la nostra società mette troppo presto alla ribalta, e governare questa situazione a vent’anni è difficile”. Che tale risposta derivi dal fatto che da ieri sembra che su Balotelli sia ripiombata proprio l’Inter?
Al di là del fantamercato, i ritorni in Italia di Kakà  e Balotelli sono al momento irrealistici. Il brasiliano sta vivendo un periodo nero al Real Madrid: infortunatosi a inizio marzo, Kakà doveva tornare a giocare entro la fine del mese, ma così non è stato. I media spagnoli non perdono occasione per criticarlo, tanto che AS ha riportato il dato secondo cui il trequartista, pagato dal Real Madrid ben 67 milioni di euro, abbia saltato addirittura i due terzi delle gare che poteva giocare. Al di là delle critiche che riceve, comunque, al Milan lo riaccoglierebbero tutti a braccia aperte: da Galliani a Berlusconi, dai giocatori a, ora si può dire, anche Allegri.

D. Scappini – Itmsport